Accesso civico

Responsabile della trasparenza
Segretario Generale
dott. Giuseppe Corrado - dal 01.10.2016
tel. 0966 710204
PEC: segretariogenerale@pec.comune.rosarno.rc.it

Segretario generale
D.ssa Maria Alati dal 24.10.2013 al 30.06.2016

Accesso civico  “semplice” concernente dati, documenti e informazioni soggetti a pubblicazione obbligatoria

(art. 5, c. 1, D.lgs. 33/2013)


L’accesso civico “semplice” è il diritto di chiunque di richiedere documenti, informazioni o dati oggetto di pubblicazione obbligatoria nei casi in cui ne sia stata omessa la pubblicazione.

La richiesta di accesso civico è gratuita e va indirizzata al Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza (RPCT).

La richiesta può essere redatta utilizzando l’apposito modulo e presentata:

 - tramite posta elettronica certificata all’indirizzo comune.rosarno@pec.comune.rosarno.rc.it;

- tramite posta elettronica ordinaria all’indirizzo segreteriogenerale@comune.rosarno.rc.it;

- tramite posta ordinaria all'indirizzo: Comune di Rosarno – Viale della Pace, snc Rosarno (RC);

- direttamente presso l’Ufficio Protocollo del Comune

Alla richiesta, debitamente firmata, dovrà essere allegata copia di documento di identità del sottoscrittore.

 

Procedura
Il Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza (RPCT) si pronuncia sulla richiesta ed in caso di accoglimento della stessa, dispone che entro trenta giorni si proceda alla pubblicazione sul sito web istituzionale -sezione Amministrazione trasparente- del documento, dell'informazione o del dato richiesto e lo trasmette contestualmente al richiedente, ovvero comunica al medesimo l'avvenuta pubblicazione, indicando il collegamento ipertestuale a quanto richiesto.

Se il documento, l'informazione o il dato richiesti risultano già pubblicati nel rispetto della normativa vigente, l'amministrazione indica al richiedente il relativo collegamento ipertestuale.

 

Ritardo o mancata risposta

Nel caso in cui il RPCT non comunichi entro trenta giorni dalla richiesta l’avvenuta pubblicazione, il richiedente può ricorrere al soggetto titolare del potere sostitutivo il quale, dopo aver verificato la sussistenza dell'obbligo di pubblicazione, pubblica tempestivamente e comunque non oltre il termine di quindici giorni, sul sito web istituzionale -sezione Amministrazione trasparente- quanto richiesto e contemporaneamente ne dà comunicazione al richiedente, indicando il relativo collegamento ipertestuale.

 

Tutela dell’accesso civico

Contro le decisioni e contro il silenzio sulla richiesta di accesso civico connessa all'inadempimento degli obblighi di trasparenza il richiedente può proporre ricorso al giudice amministrativo entro trenta giorni dalla conoscenza della decisione dell'Amministrazione o dalla formazione del silenzio. 

 

Responsabile della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza (RPCT)

Dott. Giuseppe Corrado, Segretario Generale

tel. 0966 710204 – email segreteriogenerale@comune.rosarno.rc.it


 Mod. 1 – Richiesta accesso civico "semplice" 

 

 

Accesso civico “generalizzato” concernente dati e documenti ulteriori

FOIA (FREEDOM OF INFORMATION ACT)

(art. 5, c. 2, D.lgs. 33/2013)


L’accesso civico “generalizzato” è il diritto di chiunque di accedere ai dati e ai documenti detenuti dalle pubbliche amministrazioni, ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione ai sensi del D.lgs. 33/2013, così come modificato dal D.lgs. 97/2016, nel rispetto dei limiti relativi alla tutela di interessi pubblici e privati giuridicamente rilevanti.

La richiesta di accesso civico è gratuita, non deve essere motivata e va indirizzata alternativamente:

-       all'ufficio che detiene i dati, le informazioni o i documenti;

-       al Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza (RPCT), quando l’istanza ha per oggetto dati, informazioni o documenti oggetto di pubblicazione obbligatoria ai sensi del D.lgs. 33/2013.

La richiesta deve contenere tutti gli elementi necessari a identificare i dati, le informazioni o i documenti. È ritenuta inammissibile la richiesta di accesso civico laddove l’oggetto sia troppo vago da non permettere di identificare la documentazione richiesta, oppure laddove la predetta richiesta risulti manifestamente irragionevole.

La richiesta deve essere redatta utilizzando l’apposito modulo e presentata:

- tramite posta elettronica certificata all’indirizzo comune.rosarno@pec.comune.rosarno.rc.it;

- tramite posta elettronica ordinaria all’indirizzo segreteriogenerale@comune.rosarno.rc.it;

- tramite posta ordinaria all'indirizzo: Comune di Rosarno – Viale della Pace, snc Rosarno (RC);

- direttamente presso l’Ufficio Protocollo del Comune.

Alla richiesta, debitamente firmata, dovrà essere allegata copia di documento di identità del sottoscrittore.

L’art. 5 – bis del D.lgs. 33/2013 dettaglia le  esclusioni e i limiti all'accesso civico generalizzato a tutela degli interessi pubblici inerenti a:

ü  la sicurezza pubblica e l'ordine pubblico;  

ü  la sicurezza nazionale; 

ü  la difesa e le questioni militari;  

ü  le relazioni internazionali;  

ü  la politica e la stabilità finanziaria ed economica dello Stato;  

ü  la conduzione di indagini sui reati e il loro perseguimento; 

ü  il regolare svolgimento di attività ispettive; 

nonché a tutela di  interessi privati quali: 

a)       la protezione dei dati personali, in conformità con la disciplina legislativa in materia;

b)       la libertà e la segretezza della corrispondenza;

c)       gli interessi economici e commerciali di una persona fisica o giuridica, ivi compresi la proprietà intellettuale, il diritto d'autore e i segreti commerciali.

 

L’accesso civico generalizzato va ad aggiungersi alla disciplina dell’accesso documentale (ex art. 22 e seguenti della legge 7/8/1990 n. 241) nonché a quella dell’accesso civico “semplice ( connesso agli  obblighi di pubblicazione di cui al DLGS 33/2013 ) già garantiti presso l’ente in attuazione delle normative di riferimento rispettivamente dai dirigenti e dal RPC.


Procedura
Il procedimento deve concludersi con provvedimento espresso e motivato entro 30 giorni dalla presentazione dell’istanza, con la comunicazione al richiedente ed agli eventuali controinteressati. In presenza di eventuali controinteressati, agli stessi sarà data comunicazione della richiesta di accesso ai fini della presentazione di una eventuale e motivata opposizione entro dieci giorni dalla ricezione della comunicazione. Il procedimento di accesso, in tal caso, è sospeso sino alla definizione della legittimità di detta opposizione, che avverrà nel rispetto dei termini previsti dal D.P.R. 184/2006.

Ritardo o mancata risposta


In caso di diniego totale o parziale dell’accesso o di mancata risposta entro il termine indicato dal comma 6 D.lgs. 33/2013, il soggetto richiedente può a) presentare richiesta di riesame al Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza
, che decide entro 20 giorni con provvedimento motivato.

Se l’accesso civico è stato negato o differito per motivi attinenti alla tutela della “protezione dei dati personali, in conformità con la disciplina in materia” di cui all’art. 5 bis, comma 2, lett. a D.lgs 33/2013 così come introdotto dal D.lgs. 97/2016, il Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza provvede sentito Il Garante per la protezione dei dati personali, il quale si pronuncia entro dieci giorni dalla richiesta, durante i quali il termine per l’adozione del provvedimento sono sospesi.

 

Responsabile della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza (RPCT)

Dott. Giuseppe Corrado, Segretario Generale

tel. 0966 710204 – email segreteriogenerale@comune.rosarno.rc.it


• Mod. 2 – Richiesta accesso civico "generalizzato"