ALIQUOTE IMU - 2012

IMU - ALIQUOTE

 

Il Consiglio Comunale ha deliberato le seguenti aliquote IMU per l’anno in corso:
 
2 x mille           Abitazione principale e relative pertinenze (C2, C6, C7).
7,6 x mille         Altri fabbricati, terreni agricoli ed aree fabbricabili.
2 x mille           Fabbricati rurali ad uso strumentale.
 
Per ulteriori informazioni è possibile utilizzare il numero di telefono 0966 710281, l'indirizzo di posta elettronica ici@comune.rosarno.rc.it o rivolgersi direttamente al funzionario responsabile sig. Fabio Lucà.
Soggetti passivi IMU
Soggetti passivi dell’imposta municipale propria sono il proprietario ovvero il titolare del diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie su fabbricati, aree fabbricabili e terreni agricoli, a qualsiasi uso destinati, ivi compresi quelli strumentali o alla cui produzione o scambio è diretta l’attività d’impresa.
 
Nel caso di concessione di aree demaniali, soggetto passivo è il concessionario.
 
Per gli immobili, anche da costruire o in corso di costruzione, concessi in locazione finanziaria, soggetto passivo è il locatario a decorrere dalla data della stipula del contratto, per tutta la durata.
 
Nel caso di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio l'assegnazione della casa coniugale al coniuge, disposta dal giudice, si intende in ogni caso effettuata a titolo di diritto di abitazione, e pertanto soggetto passivo dell’imposta è il coniuge assegnatario, in base alla quota della casa coniugale posseduta, e a prescindere dall’eventuale quota di proprietà che quest’ultimo vanta sul fabbricato.
 
ABITAZIONE PRINCIPALE
Per abitazione principale si intende l’immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente. Nel caso in cui i componenti del nucleo familiare abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili diversi situati nel territorio comunale, le agevolazioni per l’abitazione principale e per le relative pertinenze in relazione al nucleo familiare si applicano per un solo immobile.
 
Per pertinenze dell’abitazione principale si intendono esclusivamente quelle classificate nelle categorie catastali C2 (depositi, cantine e simili) C6 (stalle, scuderie, rimesse e autorimesse) e C7 (tettoie, soffitte e simili), nella misura massima di un’unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali indicate, anche se iscritte unitamente all’unità ad uso abitativo.
 
Dall’imposta dovuta per l’unità immobiliare adibita ad abitazione principale del soggetto passivo e per le relative pertinenze, si detraggono, fino a concorrenza del suo ammontare euro 200,00 rapportati al periodo dell’anno durante il quale si protrae tale destinazione; se l’unità immobiliare è adibita ad abitazione principale da più soggetti passivi, la detrazione spetta a ciascuno di essi proporzionalmente alla quota per la quale la destinazione medesima si verifica.
 
Per gli anni 2012 e 2013 la detrazione prevista dal primo periodo è maggiorata di euro 50,00 per ciascun figlio di età non superiore a ventisei anni, purché dimorante abitualmente e residente anagraficamente nell’unità immobiliare adibita ad abitazione principale. L’importo complessivo della maggiorazione, al netto della detrazione di base, non può superare l’importo di euro 400,00.
 
Riepilogo detrazione abitazione principale:
Detrazione base     →      € 200,00
Ulteriore detrazione →   € 50,00 per ciascun figlio di età non superiore a 26 anni, dimorante abitualmente e risidente anagrafìcamente nell'unità immobiliare, fino ad un massimo di 8 figli.
 
Detrazione massima possibile quindi: € 200,00 + € 400,00  →  Totale € 600,00